buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

domenica 8 aprile 2012

Sebastiano del Piombo e il ritrattismo

Sebastiano del Piombo, ritratto di giovane donna.
Sebastiano del Piombo è uno di quegli artisti che entrano di diritto nella storia del ritratto.
Stando a Vasari iniziò la sua carriera come suonatore di liuto, ma poi passò alla pittura studiando con Giovanni Bellini prima e Giorgione in seguito.
Nel Ritratto di giovane donna di Budapest, del 1508 circa, se i riferimenti a Giovanni Bellini e al Giorgione consistono, rispettivamente, nello scalare i piani della rappresentazione e nell'osservazione precisa dell'epidermide, si mostra la caratteristica di Sebastiano: il contrappuntare gli elementi della composizione, qui mettendo in relazione gli opposti moti del braccio e della testa.

La vita di Sebastiano

Nel 1511 Sebastiano arrivò a Roma, richiesto dal banchiere senese Agostino Chigi per il quale lavorò nella loggia della Villa Farnesina affrescando soggetti presi dalle Metamorfosi di Ovidio.
In seguito fece amicizia con Michelangelo e nel 1516 partendo da una sua composizione, dipinse la famosa Pietà di Viterbo (Museo civico).
Nello stesso periodo cominciò a farsi notare anche come ritrattista e si ritrovò in competizione con Raffaello, quando il cardinale Giulio de’ Medici commissionò due dipinti per Narbonne.


Tra il 1521 e il 1524 completò la Cappella Borgherini per San Pietro in Montorio. Durante il Sacco di Roma del 1527 si rifugiò in Castel Sant’Angelo e poi a Orvieto e a Venezia. Tornò a Roma nel 1529 e due anni dopo divenne il “piombatore” pontificio, cioè guardasigilli, carica che gli valse il suo soprannome.

Se ti piace il blog lascia un like alla pagina Facebook 👇👇👌


Dopo la rottura con Michelangelo nel 1534, la sua carriera proseguì con poche altre opere ed è opinione ampiamente diffusa che, a seguito della nomina della sinecura di custode del piombo della cancelleria papale nel 1531, l’artista trascurasse la pittura. Ma si tratta di una supposizione certamente eccessiva, che ha la sua origine in Vasari.

Sebastiano ritrovò infatti il suo rango di ritrattista e proprio a quest’epoca appartengono il ritratto di Baccio Valori, quelli di Clemente VII, il ritratto del Cardinale Rodolfo Pio e quello del Cardinale Reginald Pole (posteriore al dicembre 1536).

Scopri di più ...

Per scoprire la storia del ritrattismo segui l'etichetta #ritrattieritrattisti

Fonti: Il ritratto, a cura di Stefano Zuffi, Electa, Milano, 2000

Nessun commento:

Posta un commento