buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

mercoledì 26 settembre 2012

Jean-Auguste-Dominique Ingres ritrattista

Jean-Auguste-Dominique Ingres, ritratto di mademoiselle Riviere
Il drammatico passaggio dai fasti dell'epopea napoleonica al trionfo economico e sociale della borghesia francese trova la sua celebrazione pittorica nell'opera di Jean-Auguste-Dominique Ingres (1780-1867).
Allievo di Jacques-Louis David, il principale interprete degli ideali neoclassici della Rivoluzione e dell'Impero, Ingres è stato prima acclamato e poi denigrato come il più alto portavoce dell'accademismo pittorico.

In effetti, l'ossessione per la perfezione formale, mutuata da un'attenta e appassionata rivisitazione dell'arte classica e rinascimentale, in particolare della pittura di Raffaello e Mantegna, ma anche della tradizione fiamminga di Holbein il Giovane e Van Eyck, colloca i ritratti di Ingres tra le icone più rappresentative della concezione positivista dell'immagine.


Il luminoso incarnato dei suoi volti; la serena lucentezza emanata dalla fisionomia dei personaggi raffigurati; la compostezza formale delle sue composizioni; la concezione classica della bellezza fatta di ordine, simmetria e decoro hanno contribuito a determinare intorno all'opera di Ingres un giudizio di fredda maniera.

Ritratto di mademoiselle Riviere

M. Philibert Riviére commissionò ad Ingres tre ritratti: il suo, quello della moglie Sabine Blot ed infine quello della figlia Carolina, tutti databili intorno al 1806.
Il più celebre dei tre ritratti è però quello della figlia, che morì prematuramente nel 1807, l’anno dopo il ritratto. E' l'unico dipinto di Ingres che ritrae un'adolescente.
Un dipinto che colpisce e cattura l’attenzione, per lo sguardo penetrante della fanciulla e per le sproporzioni compositive.

Se ti piace il blog, metti un like alla pagina Facebook! 👇👇💛


La figura ci appare con una testa troppo grande rispetto al corpo esile, le spalle minute reggono un abito bianco, circondato da un lussuoso ermellino: la nuova borghesia spesso esibisce la propria ricchezza acquisita, anche quando si tratta di un’adolescente.
Il riferimento stilistico più immediato è Raffaello, pittore per il quale Ingres dimostrò una vera e propria passione.
Il dipinto è sicuramente da inserire fra i più bei ritratti dell'Ottocento.

Continua l'esplorazione ...

Per scoprire la storia del ritrattismo segui l'etichetta #ritrattieritrattisti

Fonti: Il ritratto, a cura di Stefano Zuffi, Electa, Milano, 2000

Nessun commento:

Posta un commento