buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

mercoledì 20 febbraio 2013

Paolo Uccello, sperimentatore di prospettive

Paolo Uccello, San Giorgio libera la principessa dal drago
Paolo Uccello ci appare sicuramente come uno dei più affascinanti pittori del Quattrocento italiano, sopratutto per le sue continue sperimentazioni in campo prospettico, anche se sarebbe sbagliato ridurlo a semplice compilatore di diagrammi geometrici. E' uno degli artisti che mi sono più cari, fin dai tempi del liceo. Una grave mancanza d’informazioni storico-documentarie ostacola ancora oggi la ricostruzione del percorso formativo del pittore, conclusosi con l’iscrizione alla Compagnia di San Luca nel 1414 e con la successiva immatricolazione nell’Arte dei Medici e Speziali di Firenze nel 1415. 



Prima di queste date il nome di Paolo Uccello appare nella lista degli aiuti di Lorenzo Ghiberti nei lavori per la Porta nord del Battistero: come si capisce dagli aumenti salariali registrati a suo favore, dovette trattarsi di un impegno duraturo. Non sappiamo quali fossero i compiti di Paolo nel cantiere del maestro e nemmeno quanto questo lavoro incise sulla sua formazione.
La rarità dei dati biografici procede di pari passo con l’assenza di elementi utili a ricostruirne la produzione degli esordi, cui non a caso vengono correlate opere di incerta attribuzione o di molto oscillante datazione.

Se ti piace il blog, metti un like alla pagina Facebook 👇👇👌


Il primo dipinto datato giunto fino a noi è un immenso affresco posto nella cattedrale di Firenze, raffigurante una statua equestre di Giovanni Acuto. In quest'opera si coglie bene la particolare attenzione di Paolo Uccello nei confronti della prospettiva, elemento centrale nel suo stile.
Questo artista fu per molto tempo considerato una curiosità piuttosto che un pittore serio, ma oggi è uno dei più apprezzati del suo tempo, ammirato per il potere e la forza delle forme, la bellezza dei colori e l'immaginazione. Le sue opere spesso presentano un mix di due correnti stilistiche opposte: la tradizione decorativa del gotico internazionale e l'innovazione scientifica introdotta dalla prospettiva nel primo rinascimento.

Paolo Uccello, Battaglia di San Romano, disarcionamento di Bernardino della Ciarda
Giorgio Vasari ci conferma la passione di Paolo Uccello per la prospettiva, presentandocelo come un amabile fanatico che lavorava fino a notte fonda e che quando la moglie lo chiamava a letto, rispondeva: "Che dolce amante questa prospettiva!". Sicuramente portò il suo entusiasmo ad alti livelli, ma questi effetti sono adeguati ai soggetti trattati e al fascino decorativo dei suoi dipinti che non risultano dei semplici esercizi tecnici. In Caccia notturna, per esempio, non crea solamente una scena da favola romantica, ma anche un divertente senso di velocità attraverso il modo in cui cavalli e cani sfrecciano rapidamente nello spazio.

Paolo Uccello, Caccia notturna
Il nome di Paolo Uccello fu così legato alla prospettiva che spesso gliene venne attribuita l'invenzione. Ma al di là di queste ipotesi possiamo sicuramente dire che l'artista fu tra i primi ad applicarla in maniera così narrativa, dolce e fiabesca.
A dispetto però delle grandi commissioni a Firenze, il pittore non ebbe mai un successo mondano. Sempre Vasari ci racconta che conduceva una vita da eremita e in un documento dell'epoca lo stesso Paolo si descrive come "un vecchio privo di mezzi di sussistenza e incapace di lavorare".
Questo straordinario artista da riscoprire, divenne forse anche un po' pazzo per amore della prospettiva e della sua perfezione. 

Questo post si avvale di contributi bibliografici vari che potete consultare qui

Nessun commento:

Posta un commento