buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

mercoledì 20 marzo 2013

Jeanne Jacquemin

Jeanne Jacquemin, La Dolorosa e gloriosa corona
La vita movimentata di questa artista →simbolista è stata resa nota da Jean-David Jumeneau-Lafond in un suo studio pubblicato nel 2003. Fino a quel momento Jeanne Jacquemin, che nella Parigi di fine secolo aveva goduto di un breve periodo di celebrità, era stata quasi dimenticata, nonostante fossero riapparsi alcuni suoi pastelli di volti dolenti e assorti.

Come artista essa si fece conoscere con il cognome del marito, Edouard Jacquemin, che aveva sposato nel 1881 e dal quale divorziò nel 1901. Maggiore di lei di parecchi anni questo disegnatore del Musée d'histoire naturelle la introdusse negli ambienti bohemien.
Nel 1890 Jeanne scrisse alcuni articoli per la rivista "Art et critique". Poco tempo dopo conobbe l'incisore Auguste Lauzet e divise con lui una casa a Sèvres, dove si accumularono vesti sacerdotali, croci e cibori, e che divenne un luogo d'incontro di molti scrittori. Nel 1895 la coppia lasciò Parigi per trasferirsi ad Aubagne, e qui, tre anni dopo, Lauzet morì di tisi. Jeanne si risposò nel 1902 con un medico di nome Lucien Pautrier e nel 1921 divenne la moglie del  mistico e occultista  Paul Sedir.

Se ti piace il blog, seguilo anche su G+ 👇👇👌


Dal 1892 al 1895 la Jacquemin espose regolarmente nella galleria parigina di Le Barc de Boutteville, al 47 di rue Le Peletier; riapparve poi alla sedicesima Esposizione dei pittori impressionisti e simbolisti, inaugurata l'1 dicembre del 1897, dove presentò tre opere, tra cui uno studio per Salomè.
Molti furono gli scrittori che subirono il fascino un po' demoniaco di questa artista, sopratutto Joris-Karl Huysmans e Georges Rodenbach. Artista che passò veloce nell'universo pittorico, come una meteora, e presto scomparve dalla scena artistica, nel 1903.

Scopri di più ...

Questo post fa parte di un percorso attraverso il Simbolismo. Per scoprire i temi, gli autori e le opere di questo movimento affascinante e poco esplorato, segui l'etichetta #simbolismoesimbolisti

Fonti: Il Simbolismo, da Moreau a Gauguin a Klimt, a cura di Genevieve Lacambre, Ferrara Arte Editore, Ferrara, 2007

Nessun commento:

Posta un commento