buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

sabato 3 agosto 2013

Franz von Stuck, pittore e principe degli artisti

Franz von Stuck, il peccato
Molti artisti tra i romantici, i pre-raffaelliti e i simbolisti presero ispirazione dalla mitologia greco-romana, ma pochi, come Franz von Stuck, resero la propria vita un’opera d’arte totale.
Franz Stuck nacque il 23 febbraio 1863 a Tettenweis nella Bassa Baviera da una famiglia cattolica di contadini e mugnai. Già a sei anni si mise in mostra nel suo villaggio come autore di caricature e a soli 15 anni lasciò la sua famiglia per iscriversi alla Scuola reale d’Arti decorative di Monaco: qui nel 1895, succederà come docente al suo maestro Lindenschmit.

Durante gli anni della sua formazione fu legato a Böcklin e a Lenbach: di carattere gioviale e scherzoso, si unì all’ambiente degli artisti di Monaco senza però prendersi troppo sul serio. Partecipò alla creazione della Secessione di Monaco nel 1892 e strinse rapporti sia con l’avanguardia berlinese, realizzando delle illustrazioni per le riviste Pan e Jugend, che con quella viennese, con una mostra che fece scalpore alla Secessione all’inizio del 1898.

Franz von Stuck, Lucifero
Venne influenzato da Hans Thoma Max Klinger, più anziani di lui, ma ai contemporanei apparve soprattutto discepolo di Böcklin: nei suoi famosi combattimenti tra centauri e nei suoi fauni maliziosi che godono di una natura risplendente, Stuck andrà oltre il maestro, realizzando un arte ambigua e pagana. Dopo un esordio come caricaturista, a partire dal 1889 si rese noto come pittore, autore di ritratti, e di composizioni allegoriche e simboliche, spesso tratte dalla mitologia classica improntate a un simbolismo di linee e colori che rimane però formalmente legato a un naturalismo di tipo psicologico dal chiaro potenziale sensuale. I suoi nudi monumentali dalla forte carica erotica interpretarono appieno la cultura tedesca del tempo e l’eco popolare della filosofia di Nietzsche: questo spiega l’immenso successo che raggiunse a Monaco, dove fu fatto nobile nel 1906.

Se ti piace il blog, seguilo anche su Twitter 👇👇👌


Tra le sue più celebri composizioni, si possono citare il Peccato, rappresentante una donna e un serpente trattati nelle tonalità giallo zafferano e nero, colori della perversione e della tristezza, Oreste e le Furie, la Guerra, la Sfinge, la Processione delle baccanti, Salomè, Medusa.
Il pubblicò fece a gomitate per ammirare all’esposizione della Secessione il Peccato che resta senza dubbio l’opera di maggior successo di Stuck: Glorificazione di un Eva avvinta ad un serpente, il nudo corpo femminile splende come un fanale nella cornice dorata che racchiude il dipinto. La sua universalità artistica gli fruttò un riconoscimento straordinario all'Esposizione Universale del 1900.

Segui la bacheca Franz von Stuck di Artesplorando su Pinterest.

Praticando anche la scultura e l’architettura, Stuck si fece edificare nel 1898 una villa a Monaco in massiccio stile neoclassico, con la facciata sormontata da un portico dorico e con colonne ioniche nello studio; è stata trasformata, dal 1968, in un museo dedicato all’opera dell’artista. Una piccola curiosità sull'artista è che usava creare e intagliare da sé la cornice per i propri quadri, facendola diventare un tutt'uno con la propria opera.
Stuck è considerato uno dei fautori più importanti della corrente dello Jugendstil ispirato al simbolismo, di cui è forse l'esponente più popolare in Germania. 
Artisti della levatura di Kandinsky e Klee furono suoi allievi. 
Morì a Monaco di Baviera il 30 agosto del 1928.
Un artista da scoprire, sopratutto per chi ama una pittura tenebrosa, oscura ed estremamente dark. 

Scopri di più ...

Questo post fa parte di un percorso attraverso il Simbolismo. Per scoprire i temi, gli autori e le opere di questo movimento affascinante e poco esplorato, segui l'etichetta #simbolismoesimbolisti

Questo post si avvale di contributi bibliografici vari che potete consultare qui

2 commenti:

  1. Cupo, misterioso ed interessante , contro il suo carattere quindi...
    Grazie Christian!!!

    RispondiElimina
  2. Si, devo dire che questo è il caso in cui le opere di un artista non rispecchiano direttamente il suo carattere di fronte agli altri.
    Ciao

    RispondiElimina