buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

venerdì 18 ottobre 2013

Storia dell'arte: estinzione o salvezza?

Questo è un blog che normalmente non si occupa di questioni che riguardano anche la politica, ma il caso è troppo eclatante e chiama una presa di posizione forte da parte di chi, come me, cerca di diffondere la conoscenza della storia dell'arte. 
Ovviamente molti di voi sapranno, nonostante se ne sia parlato molto poco, a cosa mi riferisco.
La decisione di cancellare la storia dell’arte dal programma scolastico contenuta nella Riforma Gelmini varata nel 2010, anche in scuole ad indirizzo artistico, viene abolita nel biennio e ridotta a due ore settimanali nel triennio.

E il motivo ha carattere prettamente economico anche se nel testo della riforma Gelmini la cancellazione viene giustificata da intenti tecnicisti.
La questione ha riaperto il dibattito sull’utilità dell’insegnamento della Storia dell’Arte. Difficile rispondere a priori a questa domanda così formulata. Come per altre materie, soprattutto quelle umanistiche, fondamentale è il modo in cui l’insegnante trasmette agli studenti questo insegnamento.

La storia dell’arte non si insegna solo in aula: è fondamentale coinvolgere gli studenti organizzando visite alle mostre o ai musei. Certo per questo servono anche fondi e allora, visti i tagli, diventa un cane che si morde la coda. Ma la risposta è rinunciare all’insegnamento della nostra cultura?
Ora, senza retorica o falsi moralismi, ma che generazioni future pensiamo di ritrovarci in questo modo?

Se ti piace il blog, seguilo anche su Twitter (◕‿-)


Nel Paese dei Beni Culturali per eccellenza, impedire ai ragazzi di maturare una adeguata conoscenza del proprio patrimonio storico-artistico significa ostacolare una formazione culturale degna di questo nome, ma anche impedire la formazione di quel senso civico che si sviluppa a partire dalla conoscenza e dal conseguente rispetto per quell’insieme di valori territoriali, ambientali, storici e artistici che chiamiamo Cultura!!!

Se non si impara la storia dei luoghi e dei monumenti che ci circondano, come si potrà capire chi siamo e maturare quel valore imprescindibile del rispetto per i luoghi e gli spazi comuni?
Ha già superato le sei mila firme la petizione online che vi invito a sottoscrivere.
Intanto questo blog, nel suo piccolo, continuerà a scrivere e scrivere e scrivere, per quei pochi che ancora ci credono!
A tutti quelli che non ricordano, così recita la nostra Costituzione:

Art. 9 - “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.
Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.”


Nessun commento:

Posta un commento