buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

mercoledì 6 novembre 2013

Turismo museale, se l'opera d'arte diventa feticcio


La riflessione che vi pongo oggi a parer mio è molto importante. Sopratutto per quello che riguarda il futuro dell'opera d'arte e della sua fruizione.
A volte di opera ne basta una sola ed è un evento. Il San Giovanni Battista di Leonardo, a fine 2009, partì dal Louvre per arrivare a Milano. In un mese appena, il risultato furono 182mila visitatori. L'anno dopo, la Velata di Raffaello lasciò il fiorentino Palazzo Pitti per un tour americano on the road: Portland, Reno, Milwaukee. Come tappe del concerto di una stella pop.

Nel 2011 il Narciso, che una parte della critica non attribuisce più a Caravaggio, si divise con mostre flash tra Montenegro (20mila biglietti in 13 giorni) e Cuba, dove ad aspettarlo erano in 60mila. In questo momento a Gerusalemme la star è l'Annunciazione di Botticelli, arrivata dagli Uffizi su un cargo. E c'è ancora chi raccoglie firme per "rimpatriare" per poco la Gioconda, sognando il grande happening. Il Vermeer di New York, che dall'8 febbraio 2014 sarà esposto a Bologna (a Palazzo Fava), è solo l'ultimo caso dell'opera d'arte nell'epoca della sua riduzione a feticcio. 

Ma perché il grande pubblico accorre in massa a queste mostre-eventi, facendo ore di coda, ma snobba i musei cittadini, le pinacoteche, l'arte contemporanea, ecc ecc.?
Forse perché ha bisogno di icone da cui partire. Prendiamo in esempio Vermeer: sintetizza tutto il senso della luce dell'arte fiamminga, restituisce una visione tersa del mondo che il contemporaneo ha scompaginato e messo in crisi. Serve a sedare il nostro caos, ripristina un ordine visivo e psicologico. Facendo la fila per visitarla, si esprime il desiderio di trovare un rifugio mentre si vive in un'epoca opaca, controluce, ambigua. 


Se ti piace il blog, metti un like alla pagina Facebook (◕‿-)


O forse affascinati dai numerosi libri e dal film, si va solo per vedere dal vivo la ragazza con l'orecchino e poter dire io c'ero! magari comprando qualche ricordino e scattando qualche foto. Esattamente come si va a vedere la Gioconda o il Cenacolo di Leonardo.
Credo che le mostre devono essere occasioni di esperienza emozionale sì, ma anche di crescita culturale. Estrapolare un dipinto per "iconizzarlo" ci distoglie completamente da quello che è il suo contesto, la sua storia e non ci permette di capirlo veramente. 

Cristallizzarlo significa farlo morire, adorando il feticcio. Può essere divertente per qualcuno e un'affare per qualcun altro, ma il rischio è confinare l'arte in un'urna tombale. Un rischio, per altro, che in Italia si corre troppo spesso. 
Molti critici credono che questo stile di mostra abbia rovinato la storiografia e la museografia italiana, forse esagerando, sinceramente non mi sento di dare giudizi così definitivi (anche perché non mi ritengo un critico d'arte!).

Quello che credo è che i musei e le mostre dovrebbero educare i cittadini a una dimensione contestuale e ambientale dell'opera d'arte. Non mi stancherò mai di ripeterlo: ogni opera nasce da una relazione e per capirla appieno bisogna allargare la visione a tanti aspetti storico-culturali-sociali.
Ed è quello che cercherò sempre di fare scrivendo in questo blog.
Mi piacerebbe avere il vostro parere... quindi, commentate!!

Nessun commento:

Posta un commento