buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

domenica 2 marzo 2014

Il romanticismo in Gran Bretagna

William Blake, il grande drago rosso
Gli intellettuali inglesi poterono attingere ad una tradizione ricca di spunti nel proprio paese che anticipò i temi romantici. Il giardino all'inglese costituiva una fonte preziosa di ispirazione per i soggetti pittorici e sentimentali che, con i suoi ornamenti esotici, trasmetteva la magia malinconica dei paesi lontani. Ben presto si arricchì di edifici e rovine neogotiche che andarono a costituire l'ambientazione perfetta del romanzo nero, il "gothic romance" che si prolungherà ben oltre il XIX secolo.

La crescita economica e la rivoluzione industriale, che inarrestabile cambiò la grandezza e l'aspetto dei centri urbani, creando quartieri enormi e fatiscenti dove il proletariato trovava rifugio, portò allo sviluppo di una visione romantica e demoniaca della realtà industriale e del progresso. Basti ricordare Joseph Wright of Derby di cui abbiam parlato in passato.

Se ti piace il blog, seguilo anche su G+ (◕‿-)


Ma sicuramente le due personalità che hanno maggiormente caratterizzato il romanticismo visionario-onirico in Gran Bretagna sono Johann Heinrich Fussli, pittore svizzero, ma che visse in Inghilterra dal 1776 fino alla morte avvenuta nel 1825. E William Blake, pittore e poeta, definito il più grande e visionario mitologo del primo romanticismo. Entrambi portarono visioni fantastiche e a volte morbose di un romanticismo intriso di motivi demoniaci, torbidi e turbolenti.
Johann Heinrich Fussli, incubo

Nel campo della pittura di paesaggio, che abbiam visto caratterizzò tutto il romanticismo, la transizione fu più pacata. I pittori inglesi di questo genere erano già avvezzi a rappresentare le regioni più affascinanti del proprio paese e dell'Europa centro-meridionale, alla costante ricerca del "pittoresco", il rifiuto delle geometrie regolari, per ritrovare la sensazione gradevole nella irregolarità e nel disordine spontaneo della natura, con inserimento di rovina, o falsa rovina. Accanto ad artisti come Thomas Girtin, John Crome, Richard Parkes Bonington o John Sell Cotman, si distinse John Constable, le cui rappresentazioni della natura spiccavano per la ricchezza delle atmosfere e la morbidezza della pennellata.

E sopra tutti i pittori paesaggisti romantici inglesi (a parer mio), spicca la personalità di William Turner. Ben rappresenta il "sublime", cioè quel sentimento di paura e di orrore suscitati dall’infinito, dalla dismisura, da «tutto ciò che è terribile o riguarda cose terribili» Nei suoi quadri la natura sembra dissolversi nei valori della luce e del colore. Grande rivoluzionario ed anticipatore dell'impressionismo. Un'innovazione che fu accolta con roventi critiche da parte della casta rappresentata dai docenti della Royal Academy più classicista.

William Turner, pace. esequie in mare
Il romanticismo inglese seppe poi produrre, in epoca relativamente tarda, esiti molto interessanti, mi riferisco al movimento preraffaellita (a cui ho dedicato in passato un post specifico) che con uno stile allegorico e arcaizzante, diede vita alla rappresentazione di temi psicologicamente morbosi o di natura sessuale, considerati tabù dalla morale vittoriana dell'epoca.

Continua l'esplorazione ...

Se vuoi leggere altro sul Romanticismo ed i suoi interpreti segui l'etichetta #romanticieromanticismi

Segui la bacheca Romantici e romanticismi di Artesplorando su Pinterest.

Fonti: Romanticismo, Norbert Wolf, Taschen, Colonia, 2008

Nessun commento:

Posta un commento