buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

martedì 14 gennaio 2014

Nature morte (non morte) - Francisco de Zurbaran

Fancisco de Zurbaran, natura morta con limoni
Altro artista che ci mostra la vivezza delle nature morte.
Francisco de Zurbaran, vissuto nella generazione a metà fra →Caravaggio e la →Moillon, raggiunse risultati analoghi a questi artisti senza aver frequentato né l'Italia e né la Francia.
Questo perché la Spagna di allora, per quanto potente, per quanto sublimemente ancorata ai sogni contorti dell'Escorial dove Filippo II da vivo celebrava i propri funerali, aveva come città principali Anversa, Milano, Napoli, Palermo e Genova se non sotto controllo almeno sotto contratto per il trasporto dell'oro dalle terre nuove d'America.

La cultura spagnola si formava quindi già in maniera globalizzata. Ma Zurbaran, rispetto ad altri autori di nature morte tendeva ad esagerare le situazioni, mosso da una capacità realista che raggiungerà gli apici con Velazquez, Goya e Pablo Picasso. E in Zurbaran, nei suoi monaci esaltati, si vedono già i saltimbanchi del periodo rosa di Picasso. Come nel bodegon, così si chiama la natura morta in Spagna, in cui si vede l'anticipazione di quelle che Pablo Picasso farà vedere a Georges Braques.

Se ti piace il blog, seguilo anche su G+ 👇👇👌


Ad ogni modo Zurbaran è il primo che indagò con attenzione maniacale la qualità della materia, come potete vedere nel dipinto qui sopra: la terracotta della tazzina, i piattini d'argento con i riflessi degli oggetti posati sopra, la canestra e quelle arance amarissime da mangiare e che a volte restano sugli aranci con i fiori che appaiono all'inizio dell'estate successiva alla loro maturazione.

Scopri di più ...

Questo post fa parte di una serie di piccoli giochi di curiosità dedicati alle nature morte. Leggi altro seguendo l'etichetta #naturemorte(nonmorte)

Fonti: Il museo immaginato, Philippe Daverio, Rizzoli, Milano, 2011


Nessun commento:

Posta un commento