buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

lunedì 10 febbraio 2014

Nature morte (non morte): fiori fiamminghi

Jan Bruegel il Vecchio, natura morta con fiori in vaso
Quando si parla di nature morte, non si può non parlare di fiori. E non si può non parlare dei fiamminghi. Tra tutti loro certo spicca Jan Bruegel il Vecchio, figlio di Pieter Bruegel il Vecchio e fratello del minore Pieter Bruegel il Giovane. Ebbe la fortuna, sul finire del Cinquecento, di incontrare il cardinal Federico Borromeo, il quale se lo portò a Milano offrendogli un lavoro.
Se ne tornò poi ad Anversa nel 1596 con un potente bagaglio di immagini italiane d'avanguardia che mescolò con le sue fantasticherie fiamminghe.



Aveva imparato dagli italiani forse, l'affetto per la mosca nei dipinti che divenne poi passione per ogni tipo di animale. Trasmise questa sua inclinazione bizzarra a Balthasar van der Ast, che di citazioni ambrosiane sembra farcito, al punto tale che le sue variazioni sulla Canestra del Caravaggio darebbero la prova che il cardinale possedesse il dipinto già nel 1596.

Se ti piace il blog, metti un like alla pagina Facebook 👇👇👌


Il resto della fantasia di Balthasar gli veniva dal suo maestro Bosschaert. In fondo gli olandesi hanno un profondo legame con i fiori, in particolare i tulipani. I mercanti olandesi amavano particolarmente i bulbi di tulipani, simboli del fiore perenne d'Oriente e della loro personale indipendenza e ricchezza. Pensate che i prezzi salirono al punto che negli anni '30 del Seicento un bulbo poteva costare quanto un tiro a quattro cavalli, e un cuoco fu processato per avere affettato un bulbo scambiandolo per una cipolla fuori misura. Poi come sempre accade in questi casi, nel febbraio del 1637 i prezzi crollarono e fu un disastro con fallimenti e suicidi.

Balthasar van der Ast, canestra

Scopri di più ...

Questo post fa parte di una serie di piccoli giochi di curiosità dedicati alle nature morte. Leggi altro seguendo l'etichetta #naturemorte(nonmorte)

Fonti: Il museo immaginato, Philippe Daverio, Rizzoli, Milano, 2011

1 commento:

  1. Ciao, abbiamo notato il tuo blog, i cui contenuti sono davvero interessanti, vorremmo proporti di collaborare con Il Trafiletto, blog di informazione libera e news, ci sono possibilità di guadagno, vieni a trovarci su.http://il-trafiletto.blogspot.it/ e contattaci, saremo lieti di darti tutte le informazioni da te richieste. Cordialmente saluto.

    RispondiElimina