buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

martedì 29 luglio 2014

Il mosaico e gli albori della civiltà

Cristo Pantocratore, cattedrale di Cefalù
Come non parlare di questa tecnica, tra le più antiche e utilizzate. Il mosaico, arte musiva o opus musivum.
E' una tipologia decorativa, molto usata in età romana e bizantina, ottenuta seguendo un disegno prestabilito, con materiali diversi e di diversi colori (ciottoli, paste vitree, frammenti di pietre, di laterizio ecc ...) fissate al supporto con stucco, mastice o malta cementizia.

Oltre all'applicazione diretta sul supporto da decorare, è diffusa anche la tecnica della rivoltatura; il mosaico viene realizzato su un supporto temporaneo (legno o lavagna) e le tessere vengono alloggiate su un leggero strato di gesso, quindi, una volta pronto, l'insieme viene ribaltato e collocato sul supporto definitivo, rimuovendo lo strato di gesso usato per il fissaggio temporaneo. E' occasionalmente documentato l'inserimento di conchiglie, materiali semipreziosi e preziosi, vetri.
Troviamo diversi tipi di mosaico:
  • A tessere: varietà di mosaico composta di piccoli elementi a forma approssimativamente cubica, di circa un centimetro per lato, accostati insieme per formare un disegno (detto anche opus tesselatum o alexandrinum)
  • A sezioni: detto anche opus rectile. Varietà di mosaico ottenuto mediante diversi elementi di marmo, pietre o vetri di varie dimensioni e colori, tagliati e accostati a formare un disegno.
  • Minuto: chiamato anche romano, composto da tessere in pasta vitrea di piccolissime dimensioni, prodotto a Roma tra la fine del Settecento e la metà del XIX secolo, per decorare oggetti di dimensioni ridotte, come tabacchiere e medaglioni.

Se ti piace il blog, metti un like alla pagina Facebook 👇👇👌


E' una tecnica antichissima che accompagna l'uomo fino ai giorni nostri. Risalgono al 3000 a.C. le prime decorazioni a coni di argilla dalla base smaltata di diversi colori, impiegate dai Sumeri per proteggere la muratura in mattoni crudi.
Nel II millennio a.C., in area minoico-micenea, si iniziò ad usare, in alternativa all'uso dei tappeti, una pavimentazione a ciottoli che dava maggiore resistenza al calpestio e rendeva il pavimento stesso impermeabile, il che si ritrova anche in Grecia nel V secolo a.C.

A partire dal IV secolo a.C., vengono utilizzati cubetti di marmo, onice e pietre varie, che hanno maggiore precisione dei ciottoli, fino ad arrivare, nel III secolo a.C., all'introduzione di tessere tagliate.
Le prime testimonianze di mosaico a tessere a Roma si datano attorno alla fine del III secolo a.C., per impermeabilizzare il pavimento di terra battuta. Successivamente, con l'espansione in Grecia e in Egitto, si svilupperà un interesse per la ricerca estetica e la raffinatezza delle composizioni.

Lo ritroviamo nel Romanico, nel Rinascimento, in cui non è più mezzo creativo autonomo, ma diventa virtuosismo. Ma è il Novecento il secolo che segna la rinascita del mosaico, in seguito alle esperienze di Impressionismo e Divisionismo, con cui ha in comune il frazionamento del colore, con l'avvicinamento a Espressionismo e Astrattismo per la semplificazione della forma e alla netta scansione cromatica, ma soprattutto grazie alla nascita del Liberty e dell'Art Déco, che lo solleveranno dal ruolo di arte secondaria.
In particolare, si ricordano Antoni Gaudì e Gustav Klimt per l'uso innovativo di questa tecnica ormai millenaria.

Segui la bacheca Decorestauro di Artesplorando su Pinterest.

Questo post si avvale di contributi bibliografici vari che potete consultare qui

Nessun commento:

Posta un commento