buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

venerdì 3 ottobre 2014

I nuovi realismi, neo-dadaisti americani

Jasper Johns, flag
Continua il percorso nella contemporaneità parlando di un tipo di nuovo realismo: il neo-dadaismo.
Affermatosi negli Stati Uniti tra la fine degli anni cinquanta e l'inizio dei sessanta, è un modo di fare arte che volle opporsi all'esperienza dell'espressionismo astratto.
Le opere d'arte di questi artisti vengono realizzate assemblando e inserendo nelle stesse elementi presi in prestito dalla vita quotidiana. Ma chi sono questi artisti?

Tra gli altri troviamo Robert Rauschenberg che utilizza come fondo colorato per i suoi dipinti rossi delle tavole di fumetti che traspaiono dal colore. Oppure Jasper Johns che si serve di fogli di giornale come supporto per i suoi primi bersagli ed entrambi uniscono alle loro opere oggetti trovati per caso.

Se ti piace il blog, metti un like alla pagina Facebook 👇👇👌


Questa pratica del prelievo diretto di oggetti si diffonderà in fretta tra gli artisti: Robert Indiana, Richard Stankiewicz o Bruce Conner utilizzarono materiali di recupero; Edward Kienholz o John Chamberlaine il riciclaggio; Jess, Ray Johnson il collage; George Segal o Robert Watts il calco.
L'artista diventa un ricettore in cui la società imprime se stessa e viceversa e si esprime attraverso la ricerca di oggetti, testimonianze, creando di fatto dei "ready-made" e rifiutando l'intervento soggettivo.

Robert Rauschenberg, odalisca
Questa centralità dell'oggetto reale nell'arte ma anche sull'arte è ciò che ha accomunato artisti molto diversi tra loro e che di fatto non fonderanno né un movimento né una scuola. In un epoca in cui il gesto pittorico era ancora predominante, questi artisti stravolgono tutto servendosi di un'iconografia trovata nella strada o nei rotocalchi. Spesso aggressiva, volgare, talvolta salace, quest'arte proclama la sua adesione al mondo contemporaneo nelle sue manifestazioni più libere, meno legate all'universo del gusto e della convenzionalità.

La progressiva scomparsa dell'artista condurrà la pittura ad autodefinirsi creando le basi per il movimento pop, nel quale si riuniranno due filoni: uno sviluppato da Andy Warhol, Roy Lichtenstein, James Rosenquist, ... ed uno più accademico e realista rappresentato da figure come Wayne Thiebauld o Mel Ramos.
Ma questa è un'altra storia.

Segui la bacheca Lo potevo fare anch'io? di Artesplorando su Pinterest.

Scopri di più ...

Questo post fa parte della rubrica #lopotevofareanchio, in cui se vuoi puoi esplorare l'arte contemporanea!

Fonti: Arte contemporanea, a cura di Francesco Poli, Electa, Milano, 2003

Nessun commento:

Posta un commento