buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

lunedì 13 ottobre 2014

Paesaggi - concerto campestre

Tiziano (?), concerto campestre
Su questo dipinto conservato al Louvre e che meriterebbe la stessa attenzione e interesse della superstar Monnalisa, si può e si è scritto di tutto! A partire dall'attribuzione.
Oggi la critica sembra abbastanza convinta su Tiziano, ma in passato si propendeva ad una paternità del Giorgione. Per non parlare dell'iconografia.

Cioè cosa rappresenta? Sul prato in primo piano, la donna nuda in piedi presso la fontana, trova corrispondenza con quella seduta con un flauto in mano, mentre in mezzo a loro trovano posto due giovani: un gentiluomo musico, dagli abiti preziosi e il suo amico pastore. Chi sono le donne? Muse? forse delle Ninfe, ma al di là di ogni congettura, lo scopo di quest'opera e far rivivere nel paesaggio lo stereotipo di luogo ameno (locus amoenus). La pienezza dei colori, la tranquilla armonia, la pace che traspare dal dipinto, trasmettono l'aspirazione ad una vita ideale, incantevole e carica di valori estetici.

Se ti piace il blog, seguilo anche su G+  👇👇👌


Da questo punto di vista le letteratura ci viene in soccorso: l'Arcadia , romanzo pastorale di Jacopo Sannazaro, in cui la greca terra di pastori celebrata dai cantori antichi viene eletta a luogo dello spirito, potrebbe essere una fonte. Sannazaro descrisse la terra degli antichi avvolta di malinconia associandola con la bellezza della terraferma veneziana.
Fatto sta che qui il paesaggio è protagonista quanto i personaggi e sarà di grande ispirazione agli artisti che seguirono e che a volte, come nel caso di Manet, ne realizzarono delle vere e proprie cover (vedi le dejeuner sur l'erbe)!

Continua l'esplorazione ...

Questo post fa parte di un'esplorazione attraverso la storia del paesaggio. Per leggere anche gli altri post, segui l'etichetta #ilpaesaggio

Fonti: Paesaggi, Norbert Wolf, Taschen, Colonia, 2008

2 commenti: