buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

mercoledì 17 dicembre 2014

Ricerche minimalistiche e analitiche

Yves Klein, monochrome bleu
Insieme alla pop art, l'altra principale tendenza protagonista del radicale cambiamento del clima artistico intorno al 1960, in totale contrapposizione all'allora dominante soggettivismo espressivo dell'action painting americana e dell'informale europeo, è quella minimalista, in pittura e scultura. Una tendenza caratterizzata dall'antiepressività, dall'impersonalità e freddezza emozionale, dall'enfasi sull'oggettualità e fisicità dell'opera, dalla riduzione alle strutture elementari del linguaggio plastico e pittorico, delle superfici bidimensionali e degli interventi segnici e cromatici.

Il termine fu coniato nel 1965 dal filosofo dell'arte inglese Richard Wollheim nell'articolo intitolato, appunto, Minimal Art, all'interno della rivista Arts Magazine. Egli parla di "riduzione minimale", ma nel senso del contenuto artistico, relativamente a lavori dove entrano in gioco oggetti al limite , indistinguibili dalla realtà quotidiana, oppure forme ed immagini con valenze anonime e impersonali. Citando da un lato i ready made di Duchamp, che sono un punto di riferimento fondamentale per quello che riguarda la componente concettuale di ogni operazione riduzionista, e dall'altro Reinhardt, dal quale trae l'aspetto relativo alla riduzione purista della pittura e la sua concezione dell'"arte per l'arte", tesa all'eliminazione di tutto ciò che viene percepito come non essenziale.

Altri termini utilizzati per definire questo processo sono ABC ART, Object Sculpture, Specific Object, Unitary Object, Cool Art, Primary Structures, Literarist Art. Dal punto di vista critico il termine minimalismo andrebbe applicato in senso stretto solo alle esperienze artistiche americane di questo tipo, ma viene normalmente utilizzato in senso più allargato, anche per definire l'insieme delle ricerche europee riduzionistiche e analitiche, in certi casi in anticipo rispetto a quelle oltreoceano.

In America

Sono considerati come i protagonisti della Minimal Art americana Carl Andre, Dan Flavin, Donald Judd, Sol LeWitt, Robert Morris, con sculture articolate per lo più in installazioni ambientali; dall'altro lato Frank Stella, Robert Ryman, Agnes Martin e, come precursori riconosciuti nel campo della pittura, Barnett Newman (quadri caratterizzati da grandi campiture di colore che si espandono in modo uniforme sulla superficie della tela, scandite soltanto da qualche banda verticale di altro colore), Robert Rauschenberg (White Paintings: tele assolutamente bianche allo stesso tempo concettuali e minimalistiche) e Reinhardt.

In Europa

La situazione europea è più complessa e frazionata; si possono ricordare il francese Yves Klein e i gruppi BMPT e Support-Surface, il polacco Roman Opalka, i tedeschi Blinky Palermo e Ulrich Ruckriem e gli italiani Piero Manzoni, Francesco Lo Savio, Sergio Lombardo, Giulio Paolini, Giorgio Griffa, Gianni Piacentino ed Enrico Castellani definito da Donald Judd in un articolo del 1966 come il padre del minimalismo.
Il contesto culturale in cui si poté sviluppare il minimalismo ha i suoi prodromi dell'emancipazione dall'arte europea nell'astrattismo americano del dopoguerra. Artisti come Jackson Pollock, Barnett Newman, Mark Rothko realizzarono in quel periodo opere astratte che segnarono un netto cambiamento nella produzione artistica statunitense e nel modo di concepire e percepire la pittura. Anche la critica dovette in quegli anni formarsi e sviluppare delle nuove categorie interpretative per l'analisi delle opere.

Frank Stella, The marriage of reason and squalor, II
L'artista Frank Stella ebbe una rilevante importanza per lo sviluppo del minimalismo. Egli dipinse alla fine degli anni cinquanta i Black Paintings, dei quadri privi di cornice consistenti in strisce nere parallele divise da sottili linee bianche. La sua intenzione è quella di elaborare una nuova pittura, impersonale, di carattere oggettuale, di impatto diretto, il cui processo di realizzazione risulti evidente a prima vista, in assoluta opposizione a quella espressionista astratta.

Egli arriva ad annullare ogni relazione interna ed esterna adottando schemi concentrici, simmetrici e ripetitivi nella stesura delle strisce nere sulla tela, dipinte con un grosso pennello da decoratore; la configurazione ripetitiva rettilinea o diagonale segue la forma della tela e la larghezza della striscia coincide con lo spessore del telaio; vi è una sostanziale identità tra rappresentazione e supporto. A partire dal 1960-61 incomincia a realizzare tele sagomate in cui la forma del supporto assume configurazioni geometriche variate. Successivamente entrano in gioco elementi curvilinei, colori vari e anche effetti ottici.

Se ti piace il blog, seguilo anche su G+ 👇👇👌


Anche le opere di Jasper Johns sono da considerare come influenti per la formazione culturale del minimalismo. Egli introdusse nei suoi dipinti degli oggetti per affermare la negazione della soggettività dell'artista e della sua vanità. Vi fu nelle intenzione dell'artista una tensione ad un'arte impersonale espressa al limite tra pittura e scultura, tra pittura e oggetto.

In ultimo, è degna di nota la produzione degli italiani Piero Manzoni, capofila del movimento in Italia e massimo teorizzatore, Gianni Piacentino con le sue installazioni e, più recentemente Riccardo Gusmaroli tra i massimi esponenti del neo-minimalismo.

Segui la bacheca Lo potevo fare anch'io? di Artesplorando su Pinterest.

Scopri di più ...

Questo post fa parte della rubrica #lopotevofareanchio, in cui se vuoi puoi esplorare l'arte contemporanea!

Fonti: Arte contemporanea, a cura di Francesco Poli, Electa, Milano, 2003

2 commenti:

  1. Sicuramente è un tipo di arte complessa che tutti associano all'arte contemporanea e che molti non apprezzano affatto. Io ho imparato a conoscerla ed apprezzarla grazie ad un libro di Jose Jimenez (teoria dell'arte) che introduce alla filosofia del ready made e del contemporaneo, con le relative problematiche!

    Posso darti un consiglio? Ho letto il tuo sogno su Blogghidee e so quanto sia difficile parlare d'arte al pubblico, tu lo fai in modo attento e preciso, con tantissimi riferimenti alle grandi figure dell'arte ma secondo me dovresti integrare qualche immagine in più che possa creare una rosa di esempi da offrire al lettore! A meno che ovviamente non si tratti di analizzare una sola opera! :D
    Questo è il mio modestissimo consiglio perché vedo quanto ci tieni e mi sembrava giusto darti il mio parere!

    Ciao Cristian!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessia, tu sei una delle mie più fedeli artesploratrici per cui ogni consiglio è più che bene accetto. Sono cosciente del fatto che solitamente aggiungo poche immagini ai post, ma finora l'ho fatto per paura di sovraccaricare troppo il blog e renderlo di conseguenza troppo disordinato. Ma prometto che terrò presente questo tuo punto di vista!
      A presto

      Elimina