buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

venerdì 13 febbraio 2015

Le Muse e gli artisti: una nuova rubrica di Artesplorando

Richard Samuel, le Nove Muse nel Tempio di Apollo
Artesplorando celebra la donna nell'arte con la creazione di una rubrica che tratterà il rapporto tra gli artisti e le loro Muse ispiratrici.
Questo post vuole introdurre ad una serie di altri nei quali analizzeremo questo rapporto.
Ma come si identificavano le Muse nella mitologia Greca che le generò?
Le Muse erano divinità minori che appartenevano al dio Apollo. Erano nove sorelle, giovani e bellissime, figlie di Zeus e di Mnemosine, che in greco significa memoria, nate ai piedi dell'Olimpo. Abitanti dell'Olimpo, a questo preferivano il Parnaso, dove amavano suonare, cantare e danzare per il dio Apollo. Ognuna di esse aveva le sue particolari attribuzioni.
Le Muse erano invocate dagli artisti, specialmente dai poeti, come ispiratrici delle loro opere.
I pittori in particolare non pretesero di avere un'ispirazione divina fino a che la pittura stessa non iniziò a prendersi sul serio, come la poesia.

Bisogna intanto chiarire che parlerò di artisti uomini non per maschilismo (lungi da me), ma perchè come ben si sa, l'arte (come molti altri campi) è stata storicamente "cosa da maschi". Alle donne non era consentito produrre arte e se lo era, dovevano al più rappresentare delle nature morte o dei paesaggi. Non era comunque concepibile che avessero dei modelli ispiratori e che magari questi fossero anche loro amanti! Bisognerà arrivare all'arte contemporanea per avere una completa emancipazione dell'artista donna.

Se ti piace il blog, seguilo anche su G+

Ma cosa rappresentano le Muse nella realtà? come condizionarono e influirono sugli artisti? Sono mogli, amanti, figlie, amiche, modelle a pagamento... o altro ancora?
La Musa è molto di più che una modella a pagamento. E' la parte femminile dell'artista (maschio). E' lo yin del suo yang. Penetra la mente dell'artista e lo ispira. Può diventare sua moglie (o amante), ma non necessariamente. Non è una questione di contatto fisico, ma mentale.

Andrea del Sarto, pittore nato nel 1486, era sposato con la sua Musa, Lucrezia, i cui lineamenti sono molto simili a tutte le figure di donna che lui ha disegnato. Da allora, artisti come Rubens, Bonnard, Renoir, Charles Blackman e Brett Whiteley hanno dipinto le loro mogli più e più volte, ma queste donne erano più dei soggetti da dipingere che delle vere e proprie Muse ispiratrici.


In altri case le donne, compagne di una vita divennero fonte di ispirazione, espressione della divinità, come furono Beatrice per Dante e Laura per il Petrarca.
Analizzeremo molti "casi" e spero che voi lettrici e lettori contribuiate al dibattito, apportando i vostri punti di vista e le vostre esperienze... magari sfatando dei miti!
In fondo la mia Musa siete voi!

C.C.

Nessun commento:

Posta un commento