buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

lunedì 18 gennaio 2016

Joanna Hiffernan, una musa tra Whistler e Courbet


La storia di oggi ci racconta la vita di una donna non comune, legata sentimentalmente con il pittore americano James Abbott McNeill Whistler e con il pittore francese Gustave Courbet, di cui, inutile a dirsi, fu anche musa ispiratrice.
Parlo di Joanna Hiffernan (ca. 1843-1903) donna d'origine irlandese, modella, musa, ma anche artista.
Ma chi fu esattamente Joanna?

La sua origine irlandese è piuttosto modesta, di famiglia cattolica romana, era chiamata da tutti "la belle irlandaise", per il suo aspetto e per la sua personalità.
Il padre, Patrick Hiffernan fu un insegnante di calligrafia, e venne descritto dagli amici di James Whistler, Joseph Pennell e la moglie Elizabeth, scrittori e pittori, come il"Capitano Costigan,"un ubriaco irlandese presente nel romanzo Thackeray. La madre di Joanna, Katherine Hiffernan, morì nel 1862, all'età di 44 anni.

Joanna aveva una sorella, di nome Bridget Agnes, in seguito divenuta la signora Singleton. L'artista Walter Greaves, che prese lezioni da Whistler nel 1863, e che conosceva bene gli Hiffernan, sostenne che Joanna ebbe un figlio di nome Harry, ma di lui non è rimasta nessuna traccia nei documenti ufficiali.

James Whistler incontrò per la prima volta Joanna nel 1860 mentre era in uno studio di Rathbone Place, a Londra. I due rimasero insieme per sei anni, vivendo tra Londra e Parigi, una lunga relazione nel corso della quale Whistler la prese a modello per alcuni dei suoi quadri più famosi, tra tutti sicuramente vi ricorderete di sinfonia in bianco n. 1. Fisicamente bellissima, la Hiffernan aveva una personalità ancora più impressionante. I biografi e gli amici di Whistler, tra cui i già citati Pennell, scrissero di lei:

"Non era solo bella. Era intelligente e simpatica. Ha dato a Whistler una costante compagnia di cui non poteva fare a meno."

Se ti piace il blog, seguilo anche su G+ 👇👇👌


La famiglia di Whistler non approvava la sua relazione con la Hiffernan. Le ragazze che posavano nude per gli artisti, all'epoca erano ritenute, e a volte lo erano, poco più che prostitute. Tuttavia, Joanna in quel periodo posò solo per il suo amato, e forse le obiezioni fatte dalla famiglia di Whistler si basavano più sulla classe sociale che sulla natura personale della Hiffernan. Quando la madre di Whistler venne in visita dall'America nel 1864, si dovette trovare una sistemazione alternativa per la Hiffernan: questo spiacevole evento fu anche causa di lite tra Whistler e l'amico pittore e incisore Alphonse Legros che non tollerava un simile comportamento nei confronti di Joanna.

Joanna e James viaggiarono spesso: furono in Francia durante l'estate del 1861, e a Parigi durante l'inverno del 1861-1862, periodo nel quale Whistler realizzò sinfonia in bianco n.1: l'opera con la ragazza in bianco ritratta all'interno di uno studio in Boulevard des Batignolles; e attorno al 1864-65 realizzò sinfonia in bianco n.2. E' possibile che fu questo il periodo in cui Joanna incontrò per la prima volta l'amico e compagno di lavoro di Whistler, Gustave Courbet, per il quale poi posò più volte. C'è una teoria, recentemente confermata dagli esperti che hanno trovato un'altra parte del quadro raffigurante la testa, secondo la quale Joanna fu la modella nello scandaloso e celeberrimo origine du monde, che raffigura "le parti intime" di una donna nuda.

James Abbott McNeill Whistler,
sinfonia in bianco n.1
I due condivisero anche esperienze stravaganti: parteciparono alle sedute spiritiche nella casa dell'amico Dante Gabriel Rossetti a Chelsea nel 1863. Trascorsero l'estate e l'autunno del 1865 a Trouville. Nel 1866, Whistler affidò alla Hiffernan la procura sui suoi affari quando il pittore si recò in Cile per sostenerne la guerra di indipendenza contro la Spagna; affascinato dalla città di  Valparaiso, vi rimase per sette mesi, prevedendo per Joanna le spese di casa e dandole l'autorità di agire come un agente nella vendita delle sue opere.

Durante l'assenza di Whistler, la  Hiffernan si recò a Parigi dove posò per Courbet nel dipinto il sonno che raffigura due donne dormienti, nude in un letto. E 'probabile che lei ebbe una relazione con Courbet in questo periodo.
Dopo la fine della sua relazione con la Hiffernan, Whistler lasciò un testamento a suo favore.

Gli anni più tardi

Un foglio di censimento anagrafico del 1881 colloca la Hifferman a Thistle Grove Lane a Londra.
Dopo che lei e Whistler si lasciarono, la Hiffernan rimase comunque legata all'artista e contribuì a crescere suo figlio, Charles James Whistler Hanson (1870-1935), il frutto di una relazione con una cameriera, Louisa Fanny Hanson. Charles visse con Joanna a Thistle Grove Lane fino al 1880, quando Whistler si recò in visita a Venezia con la sua amante d'allora, Maud Franklin. Nel 1881 Joanna si recò con Charles, in visita da sua sorella Bridget e il futuro marito Charles Singleton.

Poco si sa di Joanna dopo il 1881, le sue tracce sembrano svanire lentamente. In una lettera del 18 dicembre 1882 a Juliette Courbet (1831-1915), la sorella di Gustave Courbet, venne scritto che "la bella ragazza irlandese" si recò a Nizza, per la vendita di oggetti d'antiquariato e di alcune opere di Courbet. Si ritiene che la Hiffernan sposò un uomo di nome Abbot poco dopo il 1881, forse nel continente.

Goustave Courbet, il sonno
Il collezionista d'arte di Charles Lang Freer incontrò la Hiffernan al funerale di Whistler nel 1903 mentre si svolgeva la funzione. La mecenate di Freer, Louisine Havemeyer (1855-1929), scrisse dell'incontro come lui stesso le aveva raccontato:

"Quando alzò il velo e vidi ... i folti capelli ondulati, anche se ormai ingrigiti, Capii subito che era Joanna, la Joanna d'Etretat, "la belle Irlandaise" che Courbet aveva dipinto con con splendidi capelli ramati e uno specchio in mano .... Rimase a lungo accanto alla bara, quasi un'ora direi .... non ho potuto fare a meno di essere commosso dal sentimento mostrato verso il suo vecchio amico-amante"

Segui la bacheca #LeMuse&gliArtisti di Artesplorando su Pinterest.

Questo post si avvale di contributi bibliografici vari che potete consultare qui

Nessun commento:

Posta un commento