buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

lunedì 6 giugno 2016

Suzanne Valadon, la musa che divenne pittrice


Questa è l'appassionante storia della straordinaria vita di Suzanne Valadon, modella e musa di molti artisti tra cui Auguste Renoir. Il pittore fu catturato dalla bellezza della donna a tal punto da intrecciare una passionale relazione con la giovane, tradendo la propria compagna Aline Victorine Charigot.
Suzanne appare nel dipinto Ballo in città di Renoir, in un abito bianco, elegante e sfarzoso, i capelli raccolti in un morbido chignon, la pelle candida e setosa. E' l'immagine della donna irrequieta e spregiudicata, spirito ribelle e anticonformista, musa che seppe catturare l'attenzione di molti artisti nella Parigi di fine secolo, ma che presto aspirò a molto di più.

Ma chi era veramente Suzanne Valadon? Figlia naturale di una lavandaia, Suzanne (vero nome Marie Clementine) divenne un acrobata di circo a 15 anni e praticò questa professione fino a quando una caduta mise fine alla sua carriera. La donna fu sempre molto riservata rispetto al suo passato e alle sue umili origini. Nel quartiere di Montmartre, dove viveva con la madre e poi con il figlio nato nel 1883 (il futuro pittore Maurice Utrillo), ebbe modo di frequentare molti artisti, respirando lo spirito "bohemienne" del quartiere.

Se ti piace il blog, seguilo anche su Twitter 👇👇👌


Il primo che si accorse della sua straordinaria bellezza fu Puvis de Chavannes che la volle subito come modella. Tra i due, nonostante gli anni che li separavano (lui aveva 58 anni e lei 16), nacque una relazione che durò ben sette anni. Divenne presto una musa (e spesso amante) molto ricercata e contesa tra i più famosi artisti dell'epoca quali Renoir, Toulouse Lautrec, de Nittis e persino il musicista Erik Satie.

Ma ad un certo punto la sua vita prese una strada nuova. Si perché la musa aveva un sogno: fin da piccola praticò il disegno, esprimendo anche un certo talento che più tardi si concretizzò nel desiderio di voler diventare una pittrice. E a far scattare definitivamente la molla furono tutti gli artisti con cui venne in contatto a Montmartre, straordinario punto d'incontro di talenti. E fu così che durante le lunghe ore di posa, cominciò a osservare silenziosamente il lavoro dei pittori che la ritraevano: la donna prese nota di ogni movimento, di ogni pennellata, dei colori e del disegno.

Auguste Renoir, ballo in città
Tre furono in particolare le persone che la guidarono in questo percorso: Toulouse Lautrec primo a incoraggiarla, Suzanne fu per due anni sua modella e amante imparando moltissimo; Renoir presto si rese conto del talento della giovane donna; ma colui che sostenne pienamente Suzanne nel suo sogno fu Degas. Il pittore era famoso per il suo carattere burbero e per essere un gran misogino, ma la bella musa riusciva a renderlo mite e paziente. Con Suzanne l'artista si comportava come un padre o un mentore, premiando i progressi e indicandole gli errori. In lei Degas scorgeva una costanza e una ricerca della perfezione quasi maniacale che solo i grandi artisti hanno, perché il solo talento non basta.

Ma si sa, l'arte è sempre stata un affare da uomini e una donna pittrice non era facilmente tollerata nella società del passato. E Suzanne, come molte altre artiste prima di lei, dovette sopportare il rifiuto del mercato dell'arte e la presa in giro di molti colleghi pittori. I tempi non erano ancora maturi e in quegli anni raramente le donne venivano accettate nella cerchia dei pittori e quando lo erano si trattava di donne borghesi, come la nota Berthe Morisot, cognata di Monet.
Tuttavia i primi riconoscimenti arrivarono per Suzanne che nel 1894 divenne la prima donna ammessa alla Société Nationale des Beaux-Arts.


Poi giunse il matrimonio con un ricco agente di cambio ed ecco che la musa-artista si ritrovò, a 31 anni, a condurre una vita agiata e tranquilla in cui poté dedicarsi alla pittura senza dover pensare a mantenere sé stessa e il figlio. Fu il periodo in cui Suzanne provò di adeguarsi alla vita borghese, con i suoi limiti e le sue regole. Ma questa gabbia dorata le divenne presto stretta, perché lei era una ragazza dall’indole indipendente, difficile da frenare. La svolta arrivò e Suzanne, spregiudicata e anticonformista, la colse subito: lasciò quindi a 44 anni il marito per il giovane André Utter, che ne aveva 23, amico e coetaneo del figlio Maurice.
I ruoli si ribaltarono, ora non era più lei la giovane musa e amante di artisti molto più vecchi. Suzanne era l'artista e il giovane Utter la sua musa: fu un periodo audace e produttivo, vissuto al massimo, tra alcool ed eccessi che definirono Suzanne, Maurice e André, "il trio infernale". A loro si unì inoltre un altro grande artista "maledetto": Amedeo Modigliani.

Il "trio infernale": Suzanne, Utter e il figlio Maurice, seduto
L'apice del successo per Suzanne arrivò nel 1932, quando espose alla Galleria Georges Petit. Due anni dopo si spense a 73 anni: naturalmente i suoi funerali furono un evento a cui tutta Montmartre partecipò. Suzanne, seppe incarnare tutta la spregiudicatezza, la trasgressione e la creatività che si respirò nella Montmartre degli anni migliori. Era musa ispiratrice, di grandissimi artisti, ma divenne una di loro, spiando, copiando e imparando a esprimersi con il proprio stile e il proprio linguaggio.
Suzanne, nonostante i tempi avversi per una donna artista, ce la fece, superando critiche, difficoltà, sopravvivendo alla solitudine di ragazza madre e alla follia dell’alcool.

Questo post si avvale di contributi bibliografici vari che potete consultare qui



Nessun commento:

Posta un commento