buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
                        

lunedì 16 gennaio 2017

Il ritratto minoico-miceneo


Maschera funeraria micenea detta di "Agamennone"
Nella cultura minoico-micenea, sviluppatasi in Grecia, il ritratto non ebbe carattere individuale e realistico, ma intenzionale e tipologico (come abbiamo visto fino ad ora), limitandosi a caratterizzare la regalità del sovrano, la dignità del sacerdote, visti come tramite con la divinità.
L’arte minoica in particolare, sviluppatasi intorno al fastoso palazzo di Cnosso a Creta, fu caratterizzata da produzioni pittoriche, scultoree, orafe e ceramiche abbondanti, in cui però scarseggiò il tema del ritratto a favore di scene di natura (flora e fauna) e tauromachie, particolarmente predilette.


Nell'arte micenea invece, che prende nome dalla capitale Micene e si sviluppò nel Peloponneso, regione della Grecia meridionale, il campo più produttivo fu certamente quello dell'arte orafa e della produzione ceramica. Queste civiltà, come quelle egizia e fenicia, usavano mettere sui volti dei loro defunti più importanti una maschera, che li accompagnasse nell'aldilà.

Agamennone

Particolarmente suggestive sono le grandissime maschere funerarie in oro massiccio ritrovate a Micene, come quella che inizialmente si credeva raffigurasse Agamennone, una delle figure più importanti della mitologia greca, successivamente identificato come un erede di Troia. La splendida maschera mortuaria che vedete nella foto risale al XVI secolo a.C. e raffigura l'imponente volto di un uomo con la barba dalle sopracciglia marcate, il naso lungo e stretto, la bocca larga con labbra sottili, gli occhi chiusi e le orecchie regolari. La barba è resa in modo preciso e i baffi sono lunghi e arricciati all'insù. Essa è costituita da un foglio d'oro con i dettagli lavorati a sbalzo. Due fori vicini alle orecchie indicano che la maschera era tenuta ferma sopra il volto del defunto con uno spago.

Ti piace il blog? seguilo anche su G+ 👇👇👌


Tra XX e XXI secolo, l'autenticità del reperto venne formalmente messa in discussione, soprattutto dagli studiosi William Calder III e David Traill. Secondo i sostenitori di questa ipotesi fu l'archeologo responsabile degli scavi di Micene, il tedesco Heinrich Schliemann, a interrare la maschera. Ad avvalorare le accuse vennero fatte delle osservazioni sullo stile dell'opera: la maschera di Agamennone infatti differisce dalla altre rappresentando una fisionomia più dettagliata e particolareggiata. Nonostante queste ipotesi ad oggi la maggioranza degli studiosi è propensa a ritenere che si tratti di un originale.

Vuoi saperne di più?

All'arte di queste popolazioni seguì quella della Grecia antica con l’evoluzione della società verso le Polis e con la creazione del vero ritratto fisionomico.
Per una guida introduttiva al genere del ritratto leggete QUI
Per scoprire la storia del ritrattismo segui l'etichetta #ritrattieritrattisti

Fonti: Il ritratto, a cura di Stefano Zuffi, Electa, Milano, 2000


Nessun commento:

Posta un commento